Il Brasile ha dominato l'Alassio Cup 2013

Il Brasile ha dominato l’Alassio Cup 2013

Da venerdì 7 a domenica 9 giugno è andata in scena una memorabile edizione dell’Alassio Cup, torneo internazionale che, oltre a confermarsi uno dei più importanti ed apprezzati d’Europa, per tre giorni ha permesso ad appassionati accorsi da tutta Italia di vedere all’opera alcune tra le formazioni e le giocatrici più forti del panorama mondiale del volley femminile.
Le fortissime campionesse olimpiche del Brasile, dopo il successo di Montreux, si sono ripetute, trionfando davanti all’Italia, ringiovanita e ancora in versione sperimentale, alla Turchia dell’ex c.t. azzurro Massimo Barbolini ed alle funamboliche e simpatiche atlete del Giappone.
Sono stati sei incontri di altissimo livello e grande spettacolarità, che, con immagini di elevata qualità, sono stati seguiti comodamente da casa sia in Italia che all’estero, grazie al live streaming di Sportube.tv (oltre 50.000 visitatori nei tre giorni) ed alla diretta tv di Sportitalia, Espn (Brasile) e Smart Sport (Turchia), nonchè tramite i numerosi servizi realizzati dalla troupe di Fuji Tv (Giappone). Per un totale di circa 12 ore di collegamento, più le repliche. I dati non sono ancora disponibili, ma tenuto conto della popolazione e dell’interesse del volley in questi “mercati”, non è un’eresia dichiarare che i match dell’Alassio Cup e le “cartoline” della Città del Muretto (autentici spot della durata di circa 40″, trasmessi più volte nelle pause) siano stati visti da oltre un milione di persone.
Bilancio decisamente positivo per l’organizzazione (Gesco e Comune di Alassio), con oltre cinquemila spettatori complessivi (considerando anche il Loano Golden Match di mercoledì) e soprattutto con unanimi consensi da parte di tutti i team, compresa l’esigente delegazione sudamericana. Brasile che al termine dell’ultimo match ha ricevuto, direttamente dal nuovo sindaco Enzo Canepa e dall’assessore allo sport ed al turismo Simone Rossi, l’Alassio Cup. A livello individuale, il premio di miglior giocatrice dell’ultima sfida è andato alla verdeoro Monique, mentre a Dani Lins ha ritirato il riconoscimento di mvp del torneo. Per quanto riguarda le azzurre, un quadro dell’artista Rudy Mascheretti è stato consegnato ad Indre Sorokaite, atleta che, diventata da pochi giorni cittadina italiana a tutti gli effetti, proprio ad Alassio ha giocato le sue prime tre partite in nazionale. A proposito di premi, al termine di Italia-Turchia, Luigi Di Fiore del sito Pallavoliamo.it, portale dedicato interamente al volley in rosa, ha consegnato a Lucia Bosetti, campionessa d’Italia con la maglia della Nordmeccanica Piacenza, il premio di miglior giocatrice del campionato italiano di A1 2012-2013.
“Mettere in piedi manifestazioni di questa portata e concluderle senza intoppi e con i complimenti di tutti è motivo di grande orgoglio e soddisfazione – dichiara l’amministratore unico della Gesco, Danio Maghella -.
La gratificazione più grande è arrivata a fine torneo dal nuovo c.t. Mencarelli, il quale ha dichiarato che ad Alassio ha trovato condizioni ideali e sarebbe entusiasta di tornare sia a settembre per rifinire la preparazione in vista degli Europei che l’anno prossimo per il torneo premondiale. Più di così…”.
L’occasione è stata propizia anche per prendere contatti con importanti aziende che hanno manifestato interesse per l’attività della Gesco e che in futuro potrebbero affiancarla per eventi come questo.
Molto apprezzata dal pubblico si è dimostrata la scelta di proporre intermezzi musicali tra le due partite giornaliere: la cantante Giada Porturini, la rock band Blackloud ed il gruppo country The Route 66 che si è esibito insieme ad una quarantina folkloristici ballerini appositamente giunti da Genova e Imperia.

Debutto ufficiale in maglia azzurra ad Alassio per Indre Sorokaite, qui premiata anche da sindaco ed assessore allo sport

Debutto ufficiale in maglia azzurra ad Alassio per Indre Sorokaite, qui premiata anche da sindaco ed assessore allo sport